Browsing Tag

style

LifeStyle Travel

Milk. Restaurant & Cocktail Bar a Misano Adriatico

settembre 15, 2017

Ciao ragazzi!! Come state??

milkFinalmente è venerdì!!! Un’altra settimana di lavoro è passata.. e ahimè l’autunno sta arrivando.. i colori milkdella natura cambiano, il verde brillante delle foglie lascia spazio a un rosso rubino profumato di muschio e l’azzurro cristallino del mare rimane ormai un bellissimo ricordo.. Ma.. non demordiamo! Un bellissimo locale a Misano vi aspetta!! .. conchiglie, sassolini bianchi, atmosfere calde e rilassanti, succulente agli angoli, palme, tessuti maculati in contrasto con la resina delle sedute di design Kartell Louis Ghost, lampade e ombrelli arabeggianti accanto a forniture di design, e cocktail strepitosi e bellissimi: questo è il Milk!

Un cocktail bar e ristorante in cui potrete divertirvi davanti a insoliti bicchieri e bevute profumate e fresche dalle 18, per poi proseguire con la cena e il dopo cena con dj set. Un ambiente giovane, dove si respira l’aria di un gran bazar elegante e ben ricercato, in cui nulla è lasciato al caso.. dove regna il gusto e il giusto modo di accostare elementi di arredo totalmente agli antipodi.

Con Riccardo ci siamo andati durante la nostra vacanza a Misano e siamo stati davvero benissimo! Ci abbiamo fatto un aperitivo, con tanto di pizzette soffici calde, un cocktail alla frutta strepitoso e bellissimo da vedere dentro una caraffa in ceramica Amarena Fabbri, e buona musica. Personalmente ne sono rimasta molto entusiasta in quanto non si trovano facilmente certi locali e spesse volte succede che siano magari molto belli, ma pecchino in altro, come servizio o qualità dei prodotti.milkmilk

Per chi volesse provare la prossima estate potrete gustarvi la parte all’esterno – dove siamo stati noi -, se invece vorrete fare un salto nelle serate più freddine, allora vi potrete accomodare nella sala interna.

Ricapitolando: un locale per un aperitivo, una cena o una bevuta chic in compagnia, dove il design e l’arte di arredare sono la colonna portante e la qualità dell’insieme ne sono l’elemento distintivo. Una location che si distingue e si nota da subito!

Ve lo consiglio vivamente!! Bellissimo! Credetemi – ormai sapete che non sono di gusti facili e soprattutto raramente mi aggrada come si arreda -..

Se magari avete curiosità di vedere qualche foto per farvi un’idea, lo potete trovare sui social, come Facebook e Instagram! .. Allora, a questo punto.. buon MILK!

LifeStyle

Bijoux Glam Couture

luglio 4, 2017

Eccoci di nuovo qua! Oggi ci dedicheremo ai bijoux, scintillanti, colorati e coinvolgenti di Glam Couture! Ho conosciuto il marchio di Marianna, una bijoux designer laureata in Economia Aziendale, tramite facebook e mi hanno da subito colpito le dimensioni importanti e i colori che lo rappresentano: tutte tonalità vivaci e luminose.. dal verde smeraldo al fucsia, dal blu zaffiro all’ ambra! Vistosi, abbaglianti e sempre di moda! Credetemi, una volta che si arriva a comprarne uno, succede un po’ come con le noccioline! Sì perché se ti compri un bracciale, non puoi poi non abbinarlo a degli orecchini sontuosi e vistosi.. magari alla linea Croci che personalmente adoro in modoglam couture sconfinato! Stessa cosa se ti compri degli anellini, magari di quelli doppi, non credo che poi si riesca a fare a meno di altri bracciali, per esempio di quelli rigidi da portare all’avambraccio!bijoux Glam Couture

Anche perché l’estate è già arrivata e con la pelle abbronzata non c’è niente di meglio che indossare dettagli e gioielli coloratissimi e ‘glam’ appunto! 😀 Cosa fondamentale poi sono i materiali scelti: bagna in oro, Swarovski e tutto fatto partendo da zero a mano da lei in Italia!! Quindi.. un puro e bellissimo HANDMADE IN ITALY!!! E allora datevi importanza e date spazio alla vostra fantasia, ad abbinamenti inaspettati e azzardati, date via a gioielli dorati e bronzati, ad abbinamenti dallo stile orientale, a vestitoni lunghi e voluminosi, leggeri e colorati, a sandali e cavigliere, a pon pon fluo, a piume, fiori, coroncine, capelli lunghi sciolti e allo stile gipsy… eeemh sì, diciamo che sono per l’eterno Coachella style.. come penso si sia potuto capire! ma in fondo… l’estate non è questo???!?!?! e Glam Couture è veramente il brand più indicato per rifinire con allegria ed estro i vostri outfit – in più i suoi gioielli sono stati indossati da Chiara Biasi e Valentina Vignalibijoux Glam Couture  e alcune collezioni fotografate da Nima Benati -!

bijoux Glam CoutureContattatela su Facebook, o cercatela su Instagram e lei vi saprà consigliare al meglio e vi spedirà in pochissimi giorni ciò che avrete scelto! 😀 Buono shopping Glam! 😀

… ah dimenticavo!! Nel prossimo post andrò a parlarvi di come la sua collezione Aurora Boreale e quella di perle si possano indossare per il vostro giorno più bello … per bellissime ed estrose spose!!! 😀

LifeStyle

London. Sir Tom Baker Suits

dicembre 29, 2016
sir tom baker

Credo che quello che andrò a scrivere di seguito sarà l’articolo più difficile che abbia redatto. Ho da sempre sognato di parlare di moda, di lusso, di design, di argomenti importanti e densi, ma non pensavo – sinceramente – che mai sarebbe accaduto nel mio blog.. Durante il secondo anno della Specialistica a Siena, ho conosciuto la professoressa Victoria Baker, che mi avrebbe seguito nel corso d’inglese B2. Una bellissima donna dai capelli lunghi e gli occhi azzurri e una bellissima persona anche dentro.
Questa “Signora” – e con ciò intendo dire donna di altissimo livello, dotata di grandissima conoscenza, cultura, eleganza, e umiltà – mi ha raccontato che suo fratello è il famoso e rinomato stilista londinese Sir Tom Baker. Ora, siccome sono rimasta affascinata dalla bellezza con cui mi parlava di lui e di come lodava col cuore il lavoro di suo fratello, ho pensato di scrivere un articolo proprio a riguardo. Da un lato mi piacerebbe descrivervi lo stilista dal mio punto di vista, da ciò che vedo quando guardo le sue creazioni; e dall’altro da come invece lo vede sua sorella, Victoria, da come lo vive e da come lo sostiene.

Innanzi tutto, vorrei precisare che di lui hanno parlato migliaia e migliaia di volte media di ogni tipo. Ad esempio, per quanto riguarda la “stampa”, nel suo sito ufficiale, si può facilmente notare la generosa lista degli articoli più importanti nei giornali in assoluto più rinomati e conosciuti per l’elevato livello.. Così, io ho deciso di trattare di Sir Tom Baker in un modo ‘atipico’ per così dire, ossia dello stilista, ma soprattutto di Tom fratello di Victoria e uomo; sì perché, a dire il vero, mi ha convinto indirettamente proprio la mia professoressa a farlo: quando le proposi l’idea pensavo di non avere gran successo e invece, inaspettatamente, mi ha sorpreso e convinto con la sua contentezza e la sua approvazione! Ne era entusiasta e molto grata!
Dunque, per il momento, in questo articolo iniziamo a parlare di Sir Tom Baker Stilista. Successivamente, nel prossimo articolo che uscirà tra non molto, parlerò di Sir Tom Baker fratello di Victoria.

Sir Tom Baker Stilista

sir_tom_baker_001Collezioni Autunno/Inverno 2016-2017 e Primavera/Estate 2017: oro, pelle, paillettes, velluti, piume, jeans, colori sgargianti e scuri, nero lucido, vita stretta, scarpe a punta, teschi, cilindri, frange, fantasie leopardate. Rock, esuberanza, follia, azzardo. Perfezione, padronanza, alta sartoria, eleganza.sir_tom_baker_004

Londra. Sir Tom Baker. Dalla ‘scuola’ della Savile Row – rinominata “Savile Rogue” dallo stilista -, allo stile unico, personale, riconoscibile dal primo momento, e fruibile nel suo store a Soho. Uno stilista che segue in prima persona l’intero processo della sartoria: dalla misura del cliente, alla bozza, alla prima imbastitura, all’ultimazione dell’abito. Un’armonia calibrata mossa tra azzardi e dettagli classici. Mai esagerato, mai kitsch, mai inopportuno o di cattivo gusto. Fautore e sostenitore del pezzo unico, del ‘su misura’ accessibile a pochi, e comprensibile da una nicchia ristretta. Veste l’uomo che vuole osare rimanendo però nell’equilibrio estetico. Veste chi vuole passare inosservato, ma soprattutto chi non ha paura di essere notato e giudicato. Veste chi ha coraggio di mostrarsi e chi sa che frequentemente non viene compreso, anzi capito. Ha vestito e veste i più grandi del rock, come Robert Plant (Led Zeppelin), The Prodigy, Glen Matlock (Sex Pistols), Roger Taylor (Queen) e importanti esponenti della nobiltà inglese e di tutto il mondo. Una personalità colma di contrasti che si riflette poi nelle sue creazioni; un uomo, a mio parere, ‘elegantemente e sapientemente rock’.

sir_tom_baker_018“… the meaning of style is […]: “the key is a combination of personality mixed with compatible dress sense”. […] A finely cut suit will guarantee this feeling for the wearer when combined with great footwear, an elegant shirt and tie and some fine accessories as well as a good attitude. To spend a long time dressing up however is dangerous, as is seeking reassurances for the way you look! It is best to not obsess!..

(tutte le immagini e le citazioni sono state prese dal sito ufficiale: tombakerlondon.com e dal profilo Instagram @SirTomBaker)