Browsing Tag

handmade

LifeStyle

I Gioielli in Soutache di Dreams Of Minu’

giugno 11, 2018
dreams of minu

dreams of minu Buongiorno a tutti!!! Come va? Non ci sentiamo da un po’.. ma oggi cercherò di farmi perdonare parlandovi di una donna meravigliosa che crea con le sue mani gioielli splendidi e colmi di fascino.. Si chiama Michela, ci siamo conosciute alla Fiera dell’ Artigianato qua a Firenze il mese scorso e da subito siamo entrate in sintonia.. Ho visto i suoi gioielli esposti e ne sono rimasta ammaliata, tanto da chiederle di farmi un paio di orecchini ad hoc per una mia gonna a sirena di Roberto Cavalli che avrei indossato per un evento. Ne è rimasta subito entusiasta e così ci siamo scambiate i numeri di telefono. Dopo qualche giorno le ho mandato la foto della gonna e lei si è messa subito a lavoro, proponendomi abbinamenti, forme e dettagli decorativi.

Io sinceramente, non conoscevo questa tecnica artigianale, soutache appunto, quindi grazie a lei ho potuto comprendere il valore di un elemento creato in questo modo e soprattutto la difficoltà per farlo! Per chi come me non lo sapesse, la tecnica soutache dà il nome a quella passamaneria, o fettuccia, colorata che viene ripiegata su se stessa e abbinata a vari colori in modo da ricreare delle forme armoniose. Questo metodo è anche detto “Spiga Russa”, in quanto ha origine dagli alamari tradizionali delle casacche militari e dai decori degli abiti degli Zar. dreams of minu

Michela è solita cucire le piattine di viscosaintorno a perle, perline, Swarovski, polimeri e soggetti in fimo fatti da lei ad hoc, maioliche – come in una delle foto nell’articolo.. e noi sappiamo bene che quest’anno vanno tanto di moda 😉 – , nappe, fiori, foglie, farfalle, fiocchi e cabochon.

Michela ha iniziato circa due anni e mezzo fa per ritrovare quella parte creativa, fanciullesca che ormai non sentiva più.. ha cominciato per ritagliarsi quel tempo libero e divertente che difficilmente al giorno d’oggi si ha e ha ritrovato quell’allegria colorata che l’ha sempre contraddistinta.

Per quanto riguarda la commissione per i miei orecchini, ci siamo mosse tra i colori blu scuro, nero, rosa antico e rosa salmone.. proprio per riprendere i decori floreali della gonna.. ho scelto una forma ovale e le ho chiesto di inserirci sia dei fiorellini che delle farfalle.. man mano mi ha mandato delle foto e insieme abbiamo scelto come proseguire.. è stata velocissima, magistrale, carinissima e soprattutto efficiente e paziente – visto che io sono piuttosto rompiscatole e pignola in queste cose – ;)! Raramente si incontrano persone che amano il proprio lavoro così tanto e soprattutto raramente si incontrano persone che lo sanno fare manualmente a questi livelli al giorno d’oggi, quando ormai regna il digitale, e il prodotto industriale tutto uguale si fa spazio tra l’artigianale meravigliosamente unico.

dreams of minudreams of minuCosì.. dopo pochissimi giorni, ci siamo ritrovate al Creativity sempre qui a Firenze, e mi ha consegnato il suo lavoro.. una merviglia per gli occhi, che da quanto sono belli, le foto non riescono a fargli giustizia completamente! Dal vivo sono uno spettacolo! Nell’articolo ho inserito anche altri lavori che ha eseguito.. e dovete ammettere, che sono di una bellezza imbarazzante!

Per chi volesse un gioiello in soutache di Michela, fatto su misura o tra quelli che lei quotidianamente 😀 crea, potete contattarla su Facebook cercando @DreamsofMinu!!! … io le ho già prenotato qualcosa con coralli, madreperle e fettuccia dai toni del lino, del beige, dell’azzurro e del rosa precisi precisi per questa estate che sta arrivando.. e non credo mi fermerò qua 😀

Alla prossima miei BiancoSporchi!!!!

LifeStyle

Bijoux Glam Couture

luglio 4, 2017

Eccoci di nuovo qua! Oggi ci dedicheremo ai bijoux, scintillanti, colorati e coinvolgenti di Glam Couture! Ho conosciuto il marchio di Marianna, una bijoux designer laureata in Economia Aziendale, tramite facebook e mi hanno da subito colpito le dimensioni importanti e i colori che lo rappresentano: tutte tonalità vivaci e luminose.. dal verde smeraldo al fucsia, dal blu zaffiro all’ ambra! Vistosi, abbaglianti e sempre di moda! Credetemi, una volta che si arriva a comprarne uno, succede un po’ come con le noccioline! Sì perché se ti compri un bracciale, non puoi poi non abbinarlo a degli orecchini sontuosi e vistosi.. magari alla linea Croci che personalmente adoro in modoglam couture sconfinato! Stessa cosa se ti compri degli anellini, magari di quelli doppi, non credo che poi si riesca a fare a meno di altri bracciali, per esempio di quelli rigidi da portare all’avambraccio!bijoux Glam Couture

Anche perché l’estate è già arrivata e con la pelle abbronzata non c’è niente di meglio che indossare dettagli e gioielli coloratissimi e ‘glam’ appunto! 😀 Cosa fondamentale poi sono i materiali scelti: bagna in oro, Swarovski e tutto fatto partendo da zero a mano da lei in Italia!! Quindi.. un puro e bellissimo HANDMADE IN ITALY!!! E allora datevi importanza e date spazio alla vostra fantasia, ad abbinamenti inaspettati e azzardati, date via a gioielli dorati e bronzati, ad abbinamenti dallo stile orientale, a vestitoni lunghi e voluminosi, leggeri e colorati, a sandali e cavigliere, a pon pon fluo, a piume, fiori, coroncine, capelli lunghi sciolti e allo stile gipsy… eeemh sì, diciamo che sono per l’eterno Coachella style.. come penso si sia potuto capire! ma in fondo… l’estate non è questo???!?!?! e Glam Couture è veramente il brand più indicato per rifinire con allegria ed estro i vostri outfit – in più i suoi gioielli sono stati indossati da Chiara Biasi e Valentina Vignalibijoux Glam Couture  e alcune collezioni fotografate da Nima Benati -!

bijoux Glam CoutureContattatela su Facebook, o cercatela su Instagram e lei vi saprà consigliare al meglio e vi spedirà in pochissimi giorni ciò che avrete scelto! 😀 Buono shopping Glam! 😀

… ah dimenticavo!! Nel prossimo post andrò a parlarvi di come la sua collezione Aurora Boreale e quella di perle si possano indossare per il vostro giorno più bello … per bellissime ed estrose spose!!! 😀

HomeStyle LifeStyle

Happy HandMade Easter! Tutorial n. 3

aprile 13, 2017

Eccoci qua con il terzo tutorial! Sembra quasi che ci abbia preso gusto! A dire il vero sono piuttosto complessi e lunghi da fare, ma devo ammettere che danno molta soddisfazione! ;D

Dunque.. oggi andiamo a vedere come si può utilizzare il lichene stabilizzato! Praticamente una sorta di ‘muschio’ perennemente verde, che vive con la sola umidità! Quando si apre il sacchettino che lo contiene, non ha un odore molto gradevole ad esser sinceri – Riccardo mi avvicina prontamente una candela profumata 😉 proprio non lo sopporta -, ma una volta sistemato e lasciato all’aria, ne perde la gran parte! Quindi, candela alla mano e si inizia!
1° step: spugna della misura del nostro recipiente e dalla forma che preferiamo, pezzettini di fil di ferro tagliati e modellati con le dita a forma di ferro di cavallo.

lichene stabilizzatolichene stabilizzatolichene stabilizzatolichene stabilizzato

 

 

 

 

 
2° step: prendete dal sacchettino il lichene, a piccole parti se non lo avete mai fatto, altrimenti se sapete già come gestirlo, allora organizzatevi gli spazi anche con ‘zollettine’ più grandi. Prendete le mollettine a cui avete dato la forma del ferro di cavallo e iniziate ad ancorare il lichene alla spugna. Non utilizzate la colla a caldo in quanto sbriciolerebbe la spugna e farebbe morire il lichene, in più incollerebbe solo alcuni rametti alla volta, voi vi ustionereste come successo molte volte a me, e il muschio non ci starebbe mai e poi mai!

3° step: organizzatevi gli spazi e una volta ricoperta la gran parte della superficie, date uno sguardo a 360° e riempite quelli rimasti scoperti. Cercate di inserire parti di lichene più armonici possibili, evitando ‘montagnette’ o zone rade.. eventualmente se pensate di non aver posizionato bene il lichene, o di non aver scelto bene quella parte, togliete la mollettina a clip e spostate la zolletta come meglio credete.

lichene stabilizzatolichene stabilizzatolichene stabilizzatolichene stabilizzato

 

 

 

 

 

A questo punto, quando vi riterrete soddisfatti e vi sentirete felici per averlo fatto, be’ avrete terminato! Non è semplice, ma piano piano ci riuscirete! Il trucco sta nell’osservare bene la nostra superficie e nell’incertezza prediligere le zollettine piccoline a quelle grandi. Ah mi raccomando: premete bene le clippettine! Senza esagerare, stringendo e premendo troppo il lichene, che potrebbe rompersi, ma nemmeno senza appoggiarle troppo delicatamente, tanto da non riuscire a bloccare il muschio.

Bene, e anche il lichene non ha più segreti per noi! Buon lavoro come sempre e soprattutto buon divertimento!!! Ci ritroviamo dopo Pasqua!!

P.S. nella copertina c’è un table setting in cui ho utilizzato i secchielli col lichene, delle tovagliette in erba sintetica e delle uova.. mi sto organizzando per la mia tavola.. e da come sicuramente avrete notato, il verde e i riferimenti bucolici-campestri faranno da protagonisti! 😉

HomeStyle LifeStyle

Happy HandMade Easter! Tutorial n. 2

aprile 12, 2017

scatolina fiori

scatolina fiori

scatolina fiori

scatolina fiori

 

 

 

 

 

Tagliate la spugna in base alla grandezza del vostro recipiente, in questo caso una scatolina 10 x 10 cm. Tagliate all’altezza desiderata  i fiori più grandi che volete inserire, qua ho scelto gli anemoni gialli artificiali real touch in seta. Allo stesso modo, tagliate anche gli altri elementi più grandi, come le mie melagrane che ho precedentemente colorato di rame. Cercate di posizionare tutto in modo armonico e centrale, se volete un effetto classico e proporzionato; se invece volete una composizione asimmetrica, allora muovetevi seguendo altre linee vettoriali, di solito quelle trasversali e oblique, spostandovi tra zone molto alte e zone molto basse.

scatolina fioriscatolina fioriscatolina fioriscatolina fiori

 

 

 

 

 

A questo punto iniziate a tagliare a vostro piacimento gli elementi di riempimento, nel mio caso ho scelto un eucalipto leggermente glitterato e imbiancato, dei rametti di luppolo, dell’eucalipto vellutato sfumato di rosso e infine le bacche photinia bianche. Quando pensate di aver riempito tutti gli spazi e credete, guardando la scatolina a 360° – o il recipiente che avete scelto – di aver creato una composizione equilibrata e armoniosa, allora potrete inserire degli elementi decorativi a tema, se volete! Io ho scelto delle uova di plastica molte realistiche, all’interno delle quali ho inserito degli spiedini lunghi, altrimenti potete inserire delle apine su gambi in fil di ferro, delle farfalle – vanno bene anche quelle incollate a delle morsettine -, delle piume da incollare, dei coniglietti e così via.

scatolina fioriscatolina fioriscatolina fioriscatolina fiori

 

 

 

 

 

Infine, come ultimo tocco, aggiungiamo il fiocco! Mi raccomando, scegliete bene i colori! Per farlo, vi consiglio due strade: rimanere sul ton sur ton, quindi non allontanarsi dalle nuances e dalle sfumature scelte per la composizione; altrimenti azzardare inserendo colori a contrasto, sgargianti e scuri su una base chiara o monocromo, oppure chiari e naturali su una base barocca, scura e magari asimmetrica. Per inserire il fiocco di solito mi aiuto agganciandomi a uno stelo, in questo caso l’ho annodato a quello che regge un uovo. Ho scelto due tessuti e due colori – entrambi animati col filo di ferro, così da poterli modellare alla perfezione -: uno in organza a contrasto, con filature che vanno dall’arancione al viola acceso, e uno in taffetà cangiante che invece riprende le gradazioni della scatolina. Tagliatene una bella quantità! Coi nastri non risparmiatevi, in quanto, una volta modellati, sarà davvero piacevole vederli spuntare maestosi e sproporzionati 😉 Credetemi!

scatolina fioriscatolina fioriscatolina fioriscatolina fiori

 

 

 

 

 

Bene, e anche per oggi abbiamo terminato! Spero vi siate divertiti e spero di avervi incuriosito e invogliato a fare delle piccole composizioni coi fiori, finti o veri che siano! .. mi raccomando, vi chiedo solo due cose: scegliete sempre fiori di altissima qualità, di qualsiasi materiale e natura siano, e sempre tanto buon gusto!!! Ne varrà la pena quando avrete finito e guarderete la vostra creazione!

A presto, col terzo e ultimo – per ora – tutorial! …parleremo del lichene! Lichene stabilizzato! praticamente infinito e immortale! ;D