Browsing Category

HomeStyle

HomeStyle LifeStyle

Trend Estivi: Cactus e Maioliche

aprile 5, 2018

Buongiorno a tutti! Come avete passato Pasqua?! Io mi sto ancora rigirando per casa tra uova di cioccolato e vasetti di fiori che avevo messo sulla tavola 😀

.. Siccome oggi a Firenze è una giornata piovosa e veramente antipatica, ho deciso di pensare al caldo dell’estate per scrivere un nuovo post.

cactus HOMI MILANOCACTUS HOMI MILANOVi voglio parlare dei trend decorativi per la prossima estate e chi di voi segue anche i miei profili BiancoSporco.com su Facebook e Instagram, sicuramente saprà che i protagonisti saranno sicuramente lo stile jungle e tropical e che non potranno mancare gli amatissimi e raffinatissimi Cactus!! Io infatti, non a caso, recentemente in un post ho parlato di ‘cactus mania’ 😀 Ne avevo sentito un po’ il sentore, come si dice in Toscana, che quest’anno sarebbero andati di moda queste meravigliose piante grasse, e successivamente mi è stato confermato da ciò che ho visto all’ Homi Milano! Be’ personalmente ne sono felicissima perchè li adoro letteralmente! E allora fate spazio a cactus, succulente, piante grasse real touch, vere, in stoffa, stampate su cotone, disegnate su juta, scolpite nel legno, riprodotte su ogni superficie e con ogni materiale!!! Insomma arrendetevi! Questa estate sarà piena di Cactuuuuss!!

.. poi non molti giorni fa ho progettato un allestimento per una vetrina e la mise en place per il compleanno del mio ragazzo – sì è a Luglio, lo so, ma non posso fare a meno di immaginare quotidianamente possibili e potenziali decori per ogni occasione o impegno lavorativo -, e ho deciso di ispirarmi alla freschezza della costiera Amalfitana e della bellezza solare Siciliana.. ai limoni, ai cedri, al blu e al verde, al giallo e alle Maioliche!!! Oh le adoro!! Adoro questo stile e adoro ciò che rappresenta!! L’ Italia e la sua immagine di estate, raffinata e brillante! Personalmente rimango ammaliata ogni volta che mi ritrovo davanti certi dettagli in ceramica, o in cotone e personalmente amo il profumo dei limoni della Costiera Amalfitana e della Sicilia ..

Dolce-Gabbana-spring-summer-2016-lemonBOZZA MAIOLICHE BIANCOSPORCOCosì ho iniziato a cercare tessuti, vasi, Teste di Moro, piastrelle, fiori, limoni, tamburi, sandalini, cappelli, borse, gioielli, abiti, stoviglie, biancheria per la casa, accessori moda in questo stile e di questi colori – naturalmente non potevo non imbattermi tra le meravigliose creazioni Dolce & Gabbana (come la foto qui a destra) – … e man mano ho iniziato a disegnare bozze di possibili allestimenti e mise en place! .. finché non mi sono resa conto qualche giorno fa che il trend ‘Maioliche’ sarà uno dei favoriti per l’ estate 2018!! Voi non potete capire di quanto ne sia felice!!!! ADORO!!

… Quindi a questo punto posso consigliarvi qualche abbinamento: una tavola in legno con sopra candelabri di varie forme e dimensioni bianco candido, recipienti anch’essi bianchi per mazzi di ortensie azzurre e blu, limoni a rami, iris, margherite bianche e gialle e succulente, tamburi bianchi, ai lati della tavola cactus e fichi d’india – magari utilizzati anche come segnaposti nella versione mignon -.. e poi ancora vecchie caraffe trasparenti sospese in aria con dentro candele, con altri tamburi e qualche cappello, stoviglie con stampe di maioliche, o in cotone candido, e ancora pon pon nei colori del giallo, del blu, del verde e .. se vogliamo, possiamo aggiungere un tocco qua e là di bordeux o magenta! Che ne dite? potrebbe andare?! Be’ io dico decisamente di sì!! 😀

HomeStyle LifeStyle Travel

Bolzano: Art & Design Hotel Napura Suites & Apartments

febbraio 15, 2018

Eccomi!!! Ci sono è! Non sono sparita!

Mi Scuso ancora una volta per la mia assenza, ma sono stata molto impegnata con il mio lavoro e tra un allestimento, una decorazione, un progetto, un rendering e l’altro, non ho più avuto un attimo per scrivere un nuovo post!

hotel napura terlano bolzanohotel napura terlano bolzanoVediamo però se riesco a farmi perdonare… parlandovi di un posto incantevole in mezzo ai meli e alle montagne altoatesine!

Vi voglio parlare dell’ Art & Design Hotel Napura Suites & Apartments, una struttura rispettosa dell’ambiente, ricoperta di legno e quasi ‘invisibile’ all’arrivo… immersa in un immenso campo di meli e circondata dalle meravigliose montagne altoatesine. Al suo interno.. un connubio tra pezzi must storici del design italiano e lo stile tipicamente tirolese fluido e legnoso. Un’entrata in ferro battuto vissuto e minimal , una reception baroccheggiante e vellutata con la lampada Taccia che i fratelli Castiglioni hanno disegnato per Flos, una sala lettura calda, accogliente, con arredi by Poltrona Frau, l’ Arco Flos sempre dei fratelli Castiglioni e sgabelli ricoperti da tappezzeria lussuosa e sofisticata.hotel napura terlano bolzano

..ma ciò che più mi ha colpito di questo posto sono state anche e soprattutto le comodità che offre! Sì perchè oltre a quella del garage custodito, la più importante riguarda la sistemazione delle suites; hotel napura terlano bolzanomi spiego meglio: in questa struttura non ci sono differenti sistemazioni, come camere standard, suites o appartamenti, bensì ogni singola stanza per il soggiorno è una suite, con tanto di salottino, angolo cottura e zona living. In questo modo avrete la tranquillità più totale e potrete decidere se hotel napura terlano bolzanomangiare in qualche ottimo ristorantino nella vicinissima Bolzano, o magari nel paesino di Terlano in cui si trova per la precisione l’Hotel, o ancora nella splendida cartolina di Merano.. oppure prepararvi una buona cenetta al calduccio senza dover riuscire dopo una giornata ad esempio passata sugli sci.. hotel napura terlano bolzanopersonalmente di rado ci è capitato di trovare sistemazioni così confortevoli, ben fatte, curate e soprattutto insonorizzate!! Con un ottimo rapporto qualità-prezzo! …. hotel napura terlano bolzanoinoltre potrete godere di una sauna finlandese, un bagno turco e in estate di una piscina all’aperto sul tetto con vista mozzafiato!

Noi ci siamo innamorati proprio di queste opportunità-comodità e sicuramente questo posto diventerà una nostra meta fissa per vacanzine o fughe durante tutto l’anno.

Inutile dirvi poi che la colazione è ottima, il personale molto gentile, lo staff discreto, la pulizia impeccabile e la posizione comodissima per i collegamenti.

hotel napura terlano bolzanoPensate.. quando siamo arrivati con Riccardo a dicembre, il giorno dopo ci ha sorpreso una meravigliosa e abbondante nevicata.. cosa desiderare di più dalla vita?? be’ chi di voi conosce questi posti, sicuramente saprà di che bellezza sto parlando..

Bene, a questo punto, spero di avermi fatto perdonare un po’ e spero di avervi convinto a fare un bel weekend o una bella vacanzina nel mio adorato, amato Trentino Alto Adige e spero avervi fornito una buona idea da prendere in considerazione per l’Hotel da scegliere! Sicuramente da questa struttura non rimarrete delusi!hotel napura terlano bolzano

HomeStyle LifeStyle

Apparecchiare la tavola sotto le feste natalizie!

dicembre 21, 2017
IMG_7716-mod

Buongiornooo!! Come state?? Come stanno andando questi preparativi pre natalizi?!? Non mi dite che state ancora correndo per gli ultimi 9e423af83afa9e1951cd240020078ac2regali e che siete ancora nel mood entra-esci dai negozi! Be’ se è così.. allora vi aggiungo ansia 😀 Avete già pensato alla tavola, anzi alle tavole, per i giorni sotto Natale? Vigilia, pranzo in famiglia, cena tra amici, Santo Stefano, Capodanno… NO!??!! Ecco, allora intanto che siete in giro per uno shopping last second sfrenato, cercate anche qualcosa per decorare i vostri convivi natalizi! .. Lo so.. E’ vero, vi avevo promesso un articolo su uno dei miei allestimenti, ma credo che questo sul decoro delle tavole natalizie fosse più urgente, nO!? 😀

Non so.. ad esempio, per la cena, o forse cenone, della Vigilia.. io vi potrei consigliare per Immagine correlataun’atmosfera candida, soft, elegante e sobria.. affidandovi ai vecchi serviti della nonna, pregiati ma delicati, alle vecchie tovaglie bianco candido di lino, alle posate in argento antiche e ai bicchieri di vetro soffiato liscio.. potreste poi aggiungere dei rami di aghifoglie, delle bacche rosse, qualche pigna dorata, degli stecchi di cannella e infine tante candele bianche, solo bianche… Be’ io credo che il risultato sarà sicuramente elegante e raffinato: una tavolozza bianca con dei riflessi oro e dei puntini rossi.

IMG_7715-modPer il pranzo di Natale rimarrei sempre nel tema naturale, ma potrei consigliarvi di osare un po’ di più: candelabri oro, rifiniture con stoviglie e cristalleria oro, per segnaposto dei cartellini appuntati a delle melagrane – o pignette – sempre oro, sottopiatti oro, biancheria champagne/beige, e qualche tocco di azzurro petrolio.. grazie ad esempio a delle candele, a dei fiorellini inseriti sotto delle cupole, a delle farfalle fatte di piume, oppure a delle bellissime palline di vetro semplicemente adagiate in mezzo alla tavola a mo’ di festone centrale.

Per la cena invece potremmo optare per una via di mezzo tra le due precedenti: fettine di tronco di legno per sottopiatti, segnaposto legati a Festive-Favours-for-a-Winter-Wedding-aspoonfulofsugardesignsdei biscotti di pan di zenzero, nel centro tanti barattolini con bastoncini di zucchero rossi e bianchi, cioccolatini, biscottini dolci, caramelle, marshmallow, alternati ad altri con dentro bacche rosse da tagliare in modo che escano solo con la testa dal bordo, e così anche rose rosse o porpora, e piccoli rami di vari tipi di aghifoglie o di magnolia spruzzati d’oro. I bicchieri questa volta potrebbero essere colorati quelli per l’acqua bassi e tozzi e i classici calici per i vini e le bollicine; le posate potrebbero essere color rame oppure oro e i piatti potrebbero andare dal bianco ai colori più caldi e naturali.

Naturalmente per il giorno di Santo Stefano potrete adeguarvi a ciò che avete già acquistato e vi consiglio di fare un melange di tutto.. stando attenti ad abbinamenti e contrasti, come vi ho sempre detto 😀 e poi.. se magari vi trovate in difficoltà o siete, per la stanchezza, carenti nella fantasia e creatività, affidatevi alle mie care amiche candele! Sì, mettete tante candele, a varie altezze e cospargetevi la tavola 😀 l’effetto come sempre sarà assicurato! 😀cute-gold-christmas-table-decorations-white-home-design-806x806

Infine per il cenone di Capodanno, vi posso dare delle dritte basandomi sull’abbinamento che ho scelto per il nostro cenone: verde e oro! Non abbiate paura di risultare eccessivi e pedanti: affidatevi all’eleganza dell’oro! sì perché ciò che inizialmente vi sembrerà pesante e rococò, una volta che ci avrete inserito palline, melagrane, fiori, vasetti, candelabri, foglie di magnolia, rami di aghifoglie, il tutto di colore verde, improvvisamente risulterà equilibrato e ciò sorprenderà i vostri occhi!Apparecchiare-la-tavola-natalizia-2014-Colore-verde

.. Scrivendo mi è venuta in mente un’aggiunta: se magari vi trovate in località di mare, aggiungete delle belle conghiglie alla vostra tavola invernale! Vedrete che dicotomia aghifoglie – stelle marine e conchiglie nascerà!!

 

Bene, a questo punto non mi rimane che farvi in anticipo i miei migliori Auguri e come sempre: in bocca al lupo per i vostri preparativi!!!!

P.S. le foto che ho inserito le potrete ritrovare ai seguenti link: pinterest.com/ghernaout/; christmas.365greetings.com; wedding-venues.co.uk; weddingholmni.com; thinkdonna.it … mentre quella con gli elementi color petrolio e la copertina sono mie .. così almeno potrete rendervi meglio conto di ciò che vi ho detto!! Al prossimo anno!

HomeStyle LifeStyle

Natale 2017 e le palette di tendenza!

dicembre 4, 2017

Buongiorno miei BiancoSporchi! Scusate per l’assenza nei giorni passati, ma sono stata presa da alcuni allestimenti natalizi e non ho avuto proprio modo di scrivere un nuovo articolo! Per farmi perdonare però ho deciso di redigerne due nuovi: il primo per parlarvi delle nuove palette per il Natale 2017 e il secondo su uno degli allestimenti più significativi che ho fatto.

Iniziamo con il primo 😀 Le Palette Natale 2017.

.. allora per quest’anno diciamo che non esiste un’unica corrente di colori, bensì 4!! Sì avete capito bene! 4 abbinamenti o colori must per questo Natale!

Natale rosso biancoPrima palette: la più classica, e sontuosa se vogliamo. Il rosso e il bianco candido. Personalmente lo abbiamo scelto con Ri per addobbarci il nostro albero! Bellissimo abbinamento, credetemi! E per non farlo diventare banale, mi raccomando scegliete bene le sfumature dei due colori portanti, che dovranno essere assolutamente il bianco candido, assoluto, ottico e il rosso scuro, sangue, intenso! Non accontentatevi dei colori più pastellati o delle gradazioni che man mano trovate; bensì scegliete un bianco e un rosso precisi e seguite solo ed esclusivamente quelli! .. se avete un bell’albero bianco, ben venga 😀 in quel caso avrete sicuramente il risalto del rosso, quindi a maggior ragione, dovrà essere un Pantone preciso e intenso!Natale rosso bianco

Seconda palette: rosa antico, verde salvia e rame. Raffinata, barocca e femminile! In questo caso, l’ho scelta per l’allestimento di cui vi parlerò e che potete già vedere se visitate la mia pagina Facebook “Biancosporco”… Dunque, se avrete letto i miei articoli l’anno scorso, sicuramente in casa avrete già delle decorazioni rame! A questo punto non vi resterà che cercare delle belle palline di vetro color verde salvia o verde menta, e altre opache o lucide rosa antico! Giocate con i velluti, tanto di moda per quest’ inverno, e il lurex glitterato magari e vedrete che come risultato avrete un albero pastellato dai dettagli e riflessi color rame! Meglio se prediligerete, o già avete, quelli innevati, così da mantenere un mood piuttosto shabby e tenue!

Terza palette: be’ quest’anno come avrete sicuramente capito a questo punto, è stato l’anno del “greenery”, quindi del verde, anzi dei verdi! Da accostare, in occasione del Natale, a un sontuoso oro puro! Quindi verde bottiglia, verde bosco, verde muschio, verde salvia scuro e oro! Tanto oro! L’importante a quel punto è rimanere nei colori naturali, quindi non inserite assolutamente colori vivaci, dalle tonalità del blu o dell’azzurro, e fluo 😀 ma rimanete in quelle naturali, come i marroni, i beige, i rossi terracotta, e il risultato sarà un vero albero da Chalet di montagna! 😀 ovviamente, se vorrete rimanere ancorati alla palette nuda e cruda, dovrete fermarvi, come anticipato, ai verdi e all’oro!

Quarta e ultima palette: i colori brillanti dell’oro e del rame! In questo caso dovrete rinunciare a tutti i colori e proiettarvi solo su quelli metallici caldi, magari uniti, ma proprio al massimo della concessione, ai cristalli trasparenti! Sì perché il vostro albero rappresenterà la ricchezza e lo sfarzo, il lusso e la brillantezza pura! Quindi palline di vetro iridescenti, fiocchi di neve Swarovski, ghiaccioli e poi tanto oro e rame! Soprattutto oro!! Sì perché diciamo che l’oro è uno dei colori must per il prossimo Natale! Lo dovrete addobbare senza far fuoriuscire alcun ramo verde, in quanto tutto dovrà risultare perfettamente laccato oro! 😀 volendo potrete acquistare degli alberi già con i rami oro 😀

Ah mi stavo dimenticando: per chi avesse comprato l’anno scorso diverse tonalità di blu, potrete sicuramente abbinarli al rame e all’oro, per un tocco nordico, minimal e moderno! In quel caso però solo: oro, rame, oro e grigio! magari su di un bel ramo naturale spoglio e stilizzato 😀

A presto con l’altro articolo!!

HomeStyle LifeStyle

AsymmetrY

agosto 10, 2017

Eccociiii! Di nuovo sul pezzo!

Oggi un brevissimo post sul tablesetting Made in BiancoSporco! Il mio punto di forza è stato quello di non avere assolutamente nessuna idea in testa da seguire.. quindi mi sono adeguata a ciò che man mano trovavo in casa e ho cercato di ragionare e abbinare nella mia mente pezzo dopo pezzo.. non è stato semplicissimo a dire il vero, in quanto è sempre molto più facile e soprattutto veloce, seguire delle linee guida che abbiamo scelto con calma, ma per questa volta ho deciso volutamente di non seguire il mio iter standard.asymmetry

Di solito mi faccio un planning con tanto di disegno, in quanto quest’ultimo mi aiuta molto a capire che cosa mi manca o cosa può stare bene con; stavolta invece ho seguito il gusto e l’istinto.. ah e soprattutto l’occhio!

Quindi dapprima ho posizionato le tovagliette color lattementa, poi ce ne ho posizionato sopra a contrasto altre tonde in corda color porpora scuro, successivamente i piatti color grigio-azzurro, a questo punto ho asymmetrymesso le candele dentro delle vecchie caraffe di diverse dimensioni.. dopodiché la parte più difficile è stata quella di scegliere la parte decorativa floreale.. davanti a così tanti contrasti cromatici e materici, non sapevo che cosa avrebbe potuto reggere visivamente il tutto.. quindi ho scelto di inserire dei fiori real touch dalle forme e colori esotici, poi ho aggiunto un cactus in ceramica – per indirizzarmi verso uno stile pugliese-greco -, e ho deciso di posizionarli in modo minimal e asimmetrico, giocando con i movimenti dei gambi modellati, ho inserito una lanterna, che ha ricoperto in questo caso la funzione di un recipiente, un vaso cilindrico e una bottiglia – entrambi trasparenti lisci -, che potessero continuarmi a dare la sensazione delle masserie e dei fichi d’india poggiati ai muriccioli, senza appesantire o aggiungere altro asymmetrysviandomi. Infine, per catturare l’attenzione ho inserito una ramo di lampioncini cinese sempre real touch dello stesso porpora delle tovagliette tonde.

Poi.. riguardando tutto da lontano, ho scelto di osare ancora di più inserendo dei fiocchi in taffetà cangiante blu scuri alla base dei calici vintage in vetro soffiato trasparente – eleganti e discreti come la bottiglia e il vaso cilindrico -.

Spero di esservi stata utile anche questa volta, e spero di avervi fatto capire che i contrasti – in generale -, se ben dosati e ponderati, sono la migliore delle soluzione in ambito estetico per ogni occasione!! Buon Lavoro e a prestoo!

HomeStyle LifeStyle

By CandleLight …

agosto 1, 2017

Eccoci qua!!! Innanzi tutto Buon inzio Agosto!!! 😉

Enlight4Oggi volevo parlarvi della cena che ho organizzato nel mio giardino tipicamente toscano in occasione del compleanno di Ri e volevo dimostrarvi ancora una volta che bastano del buon gusto, tanta fantasia, tanta voglia di fare, tanto entusiasmo e amore per rendere una tavola unica e sofisticata.. ciò che invece risulterà necessario, sarà una buonissima compagnia! 😀

Personalmente sono fissata con le candele, amo l’atmosfera che creano e le adoro in quanto da sole riescono a darmi quell’emozione che nessun altro accessorio potrà nemmeno lontanamente Enlight8riprodurre. In più mi permettono di “riempire” l’ occhio così da rendere più facile il lavoro e quindi il risultato e l’effetto finali… insomma, tutti sanno che bastano tante piccole candele, ceri, Enlight9lanterne, voliere, candelabri, piedistalli, e porta tealight per far sì che tutto cambi nella totalità.
Così, per questa cena, ho dato spazio a tutto ciò e alla fin fine non mi è rimasto che aggiungere stoviglie, tovaglia e tovaglioli, bicchieri e qualche piccolo accessorio decorativo sulla tavola – tra l’altro, se ci fate caso, anche i segnaposto erano piccole caraffine con dentro candele profumate -.
.. E ancora, una botte antica colorata, delle piccole lanterne giapponesi bianche, una bella lampada, un ramo centrale come centerpiece laccato di rosso, sottopiatti in legno di cedro, sottobicchieri a contrasto dalla forma di fetta di un frutto, dei fenicotteri rosa, qualche cenno tropicale – visto che questo stile adesso va tanto di moda -, e … il gioco è fatto!!! Un bellissimo effetto con una spesa veramente minima! 😀

Naturalmente se avete delle belle sedie, anche scoordinate, potete aggiungere dei fiori di campo o tropicali artificiali in silicone real touch sullo schienale, oppure se avete un bel ramo lo potete appendere sopra la tavola adornandolo con edera o altri fiori nello stile del tavolo, oppure se avete della frutta la potrete utilizzare come centrotavola o come segnaposto, e ancora se avete teli, stoffe, tendaggi vari potete ricreare quell’atmosfera orientale che solo l’estate può rendere possibile…

Come sempre, spero di esservi stata utile, anche solo per qualche spunto!!!

Noi ci sentiamo presto…con tante belle, bellissime novità!!!

HomeStyle LifeStyle

Piante a casa con un Click!

giugno 9, 2017

Salve a tutti! Oggi mi piacerebbe condividere con voi una mia esperienza molto carina! Qualche giorno fa ho deciso di comprare dei fiori da poter mettere in due vasoni che ho ai lati dell’entrata di casa e non avendo molta voglia di uscire – con questo caldo credetemi che un bradipo potrebbe tranquillamente fregarmi in velocità – ho deciso di fare tutto online, comodamente dal mio divano ;D.. così ho pensato di affidarmi alla start up Pianteclick,SOCIAL GRAPHIC che mi conosce e segue con affetto e stima da quando ho iniziato a scrivere il mio blog! Ricordo che mi è da subito rimasta in mente, in quanto fornisce un servizio troppo comodo e finora abbastanza raro! Pianteclick immagini fioritureHanno una storia molto dolce, dei fiori bellissimi, sia ornamentali, che piante aromatiche che fruttifere, e ci mettono tanta cura e amore e soprattutto sono persone giovani e affidabili! Per il momento hanno sede a Pompei, ma contano di aprirne un’altra dislocata nella provincia di Firenze.. quindi… cosa volere di più?? Una sbirciatina sul loro sito www.pianteclick.it, la scelta, la conclusione dell’ordine e infine… Dulcis In Fundo… e ciliegina sulla torta: la consegna a domicilio personalizzata!!! No va be’.. il top! Pensate che mi hanno scritto proponendomi due o tre opzioni di consegna – in orari del tutto impensabili con i corrieri standard – anche di sera dalle 19, o di prima mattina oppure orari dei dipladenia pianteclickpasti, e il tutto fatto da una loro persona di fiducia che ti spiega come tenere le piante acquistate e come meglio seguirle! Personalmente ho parlato con Alfonso, molto gentile, disponibile e sorridente che mi ha consegnato due bellissime piante di Dipladenia alle 19.30 del giorno stesso della mail ricevuta con le opzioni di consegna! E non è finita qui: per il momento, credo fino alla fine di Giugno, quindi fate presto, la consegna è gratuita!! FANTASTICO! e FANTASTICI loro! … Basta quindi dipladenia pianteclicksemplicemente scegliere i nostri fiorellini, o le nostre piante e composizioni in vaso, inviare il nostro ordine e accordare la consegna in base alla nostra disponibilità!! Più professionalità di questa!!!

Sì perché.. credo che la gentilezza, la cordialità, la disponibilità e il sorriso siano al giorno d’oggi ‘merce’ rara! Quindi sinceramente, quando le ritrovo in qualsiasi tipo di servizio e/o persona, be’ credetemi che mi sorprendo con enorme piacere e tutto diventa per un momento più semplice e colorato! E di sicuro ciò va coltivato e ben valorizzato! Per questo ho voluto parlarvi di questa azienda con molto piacere e soddisfazione!

Ah.. Pianteclick consegna anche nelle isole!

Per maggiori informazioni visitate il loro sito www.pianteclick.it, oppure seguiteli su Facebook, Instagram e Twitter! Vedrete che meraviglia di mondo hanno ricreato!

HomeStyle LifeStyle

Happy HandMade Easter! Tutorial n. 3

aprile 13, 2017

Eccoci qua con il terzo tutorial! Sembra quasi che ci abbia preso gusto! A dire il vero sono piuttosto complessi e lunghi da fare, ma devo ammettere che danno molta soddisfazione! ;D

Dunque.. oggi andiamo a vedere come si può utilizzare il lichene stabilizzato! Praticamente una sorta di ‘muschio’ perennemente verde, che vive con la sola umidità! Quando si apre il sacchettino che lo contiene, non ha un odore molto gradevole ad esser sinceri – Riccardo mi avvicina prontamente una candela profumata 😉 proprio non lo sopporta -, ma una volta sistemato e lasciato all’aria, ne perde la gran parte! Quindi, candela alla mano e si inizia!
1° step: spugna della misura del nostro recipiente e dalla forma che preferiamo, pezzettini di fil di ferro tagliati e modellati con le dita a forma di ferro di cavallo.

lichene stabilizzatolichene stabilizzatolichene stabilizzatolichene stabilizzato

 

 

 

 

 
2° step: prendete dal sacchettino il lichene, a piccole parti se non lo avete mai fatto, altrimenti se sapete già come gestirlo, allora organizzatevi gli spazi anche con ‘zollettine’ più grandi. Prendete le mollettine a cui avete dato la forma del ferro di cavallo e iniziate ad ancorare il lichene alla spugna. Non utilizzate la colla a caldo in quanto sbriciolerebbe la spugna e farebbe morire il lichene, in più incollerebbe solo alcuni rametti alla volta, voi vi ustionereste come successo molte volte a me, e il muschio non ci starebbe mai e poi mai!

3° step: organizzatevi gli spazi e una volta ricoperta la gran parte della superficie, date uno sguardo a 360° e riempite quelli rimasti scoperti. Cercate di inserire parti di lichene più armonici possibili, evitando ‘montagnette’ o zone rade.. eventualmente se pensate di non aver posizionato bene il lichene, o di non aver scelto bene quella parte, togliete la mollettina a clip e spostate la zolletta come meglio credete.

lichene stabilizzatolichene stabilizzatolichene stabilizzatolichene stabilizzato

 

 

 

 

 

A questo punto, quando vi riterrete soddisfatti e vi sentirete felici per averlo fatto, be’ avrete terminato! Non è semplice, ma piano piano ci riuscirete! Il trucco sta nell’osservare bene la nostra superficie e nell’incertezza prediligere le zollettine piccoline a quelle grandi. Ah mi raccomando: premete bene le clippettine! Senza esagerare, stringendo e premendo troppo il lichene, che potrebbe rompersi, ma nemmeno senza appoggiarle troppo delicatamente, tanto da non riuscire a bloccare il muschio.

Bene, e anche il lichene non ha più segreti per noi! Buon lavoro come sempre e soprattutto buon divertimento!!! Ci ritroviamo dopo Pasqua!!

P.S. nella copertina c’è un table setting in cui ho utilizzato i secchielli col lichene, delle tovagliette in erba sintetica e delle uova.. mi sto organizzando per la mia tavola.. e da come sicuramente avrete notato, il verde e i riferimenti bucolici-campestri faranno da protagonisti! 😉

HomeStyle LifeStyle

Happy HandMade Easter! Tutorial n. 2

aprile 12, 2017

scatolina fiori

scatolina fiori

scatolina fiori

scatolina fiori

 

 

 

 

 

Tagliate la spugna in base alla grandezza del vostro recipiente, in questo caso una scatolina 10 x 10 cm. Tagliate all’altezza desiderata  i fiori più grandi che volete inserire, qua ho scelto gli anemoni gialli artificiali real touch in seta. Allo stesso modo, tagliate anche gli altri elementi più grandi, come le mie melagrane che ho precedentemente colorato di rame. Cercate di posizionare tutto in modo armonico e centrale, se volete un effetto classico e proporzionato; se invece volete una composizione asimmetrica, allora muovetevi seguendo altre linee vettoriali, di solito quelle trasversali e oblique, spostandovi tra zone molto alte e zone molto basse.

scatolina fioriscatolina fioriscatolina fioriscatolina fiori

 

 

 

 

 

A questo punto iniziate a tagliare a vostro piacimento gli elementi di riempimento, nel mio caso ho scelto un eucalipto leggermente glitterato e imbiancato, dei rametti di luppolo, dell’eucalipto vellutato sfumato di rosso e infine le bacche photinia bianche. Quando pensate di aver riempito tutti gli spazi e credete, guardando la scatolina a 360° – o il recipiente che avete scelto – di aver creato una composizione equilibrata e armoniosa, allora potrete inserire degli elementi decorativi a tema, se volete! Io ho scelto delle uova di plastica molte realistiche, all’interno delle quali ho inserito degli spiedini lunghi, altrimenti potete inserire delle apine su gambi in fil di ferro, delle farfalle – vanno bene anche quelle incollate a delle morsettine -, delle piume da incollare, dei coniglietti e così via.

scatolina fioriscatolina fioriscatolina fioriscatolina fiori

 

 

 

 

 

Infine, come ultimo tocco, aggiungiamo il fiocco! Mi raccomando, scegliete bene i colori! Per farlo, vi consiglio due strade: rimanere sul ton sur ton, quindi non allontanarsi dalle nuances e dalle sfumature scelte per la composizione; altrimenti azzardare inserendo colori a contrasto, sgargianti e scuri su una base chiara o monocromo, oppure chiari e naturali su una base barocca, scura e magari asimmetrica. Per inserire il fiocco di solito mi aiuto agganciandomi a uno stelo, in questo caso l’ho annodato a quello che regge un uovo. Ho scelto due tessuti e due colori – entrambi animati col filo di ferro, così da poterli modellare alla perfezione -: uno in organza a contrasto, con filature che vanno dall’arancione al viola acceso, e uno in taffetà cangiante che invece riprende le gradazioni della scatolina. Tagliatene una bella quantità! Coi nastri non risparmiatevi, in quanto, una volta modellati, sarà davvero piacevole vederli spuntare maestosi e sproporzionati 😉 Credetemi!

scatolina fioriscatolina fioriscatolina fioriscatolina fiori

 

 

 

 

 

Bene, e anche per oggi abbiamo terminato! Spero vi siate divertiti e spero di avervi incuriosito e invogliato a fare delle piccole composizioni coi fiori, finti o veri che siano! .. mi raccomando, vi chiedo solo due cose: scegliete sempre fiori di altissima qualità, di qualsiasi materiale e natura siano, e sempre tanto buon gusto!!! Ne varrà la pena quando avrete finito e guarderete la vostra creazione!

A presto, col terzo e ultimo – per ora – tutorial! …parleremo del lichene! Lichene stabilizzato! praticamente infinito e immortale! ;D

HomeStyle LifeStyle

Happy HandMade Easter! Tutorial n. 1

aprile 11, 2017

Ciao a tutte e tutti!

Oggi, come promesso, partiamo col primo tutorial! Faremo dei piccoli coniglietti con i tovaglioli piegati! Possiamo farli sia con quelli di carta, che di stoffa, che in TNT 😉 .. su internet leggiamo che si necessita di tovaglioli grandi almeno 50 x 50 cm, ma in realtà io li ho fatti solo con tovaglioli più piccoli, non avendo a disposizione quelli più grandi.

Dunque, è davvero molto facile e veloce! eh.. credetemi, se ci sono riuscita io, chiunque potrà farlo! 😉 E poi.. fatto una volta il primo, gli altri saranno ancora più veloci e ben fatti!

tutorial-coniglietto-tovagliolo

… And so.. Let’s Start!

1° Prendete un tovagliolo, apritelo e piegatelo a metà in orizzontale.

2° Prendete un lato alla volta e ripiegatelo andando verso il centro; fate questo da entrambe le parti.

3° Prendete un angolo esterno in basso alla volta e puntatelo verso la metà interna in lunghezza.

4° Ripiegate ancora a metà i due lati, partendo dall’esterno verso l’interno, ancora in lunghezza.

5° Girate il tovagliolo e piegatelo a metà seguendo la linea centrale verticale originale. Vedrete che gli orecchioni spunteranno già! ;D

6° A questo punto inserite i due angolini in basso – diciamo ai piedi della ‘piramide’ per così dire – esterni l’uno dentro l’altro, così da incastrarli e fissarli. In base al materiale scelto avrete più o meno facilità di presa; io per esempio facendoli con quelli di carta, mi sono provvista di qualche clip per poterli bloccare sul retro in modo da farli stare ben fermi e da dare maggiore equilibrio una volta poggiati sul tavolo.

Adesso, distanziate le orecchie e lavoratele per dare una forma più realistica possibile; fate lo stesso anche per la parte del sedere del coniglietto allargando per bene gli strati formati, come per riprodurre la codina. Se volete, potete aggiungere dei dettagli, come dei fiorellini, delle piume o dei batuffolini di cotone al posto della coda!

Bene… e il mio primo tutorial è terminato! Spero di essere stata chiara e di avervi aiutato! Domani ne uscirà uno nuovo e lì potrete trovare delle dritte per creare delle meravigliose scatoline di fiori, tanto alla moda e tanto richieste! ;D